ALESSANDRO MOSCE’ FINALISTA AL PREMIO FLAIANO

Alessandro Moscè è finalista in uno dei premi letterari più prestigiosi d’Italia, Il Premio Flaiano, giunto quest’anno alla 46° edizione. Ecco le terne decise dalla giuria tecnica della sezione Narrativa, composta da Antonella Di Nallo, Donatella Di Pietrantonio, Raffaele Manica, Renato Minore, Raffaello Palumbo Mosca. Per la Narrativa concorrono Gli ultimi giorni di Anita Ekberg di Alessandro Moscè (Melville); L’Invenzione del vento di Lorenzo Pasolini (Marsilio); Almarina di Valeria Parrella (Einaudi). Per la Narrativa giovani sono in gara Una volta è abbastanza di Giulia Ciarapica (Rizzoli); Cosa resta di male di Gianmarco Soldi (Rizzoli); Elena di Sparta di Loreta Minutilli (Baldini&Castoldi). Nella sezione Italianistica: IIC Helsinki-Eugenio Montale, Portami il girasole. Poesie scelte 1918-1980 di Hannimari Heino; IIC Los Angeles Fellini’s Eternal Rome, Paganism and Christianity in Federico Fellini’s Films di Alessandro Carrera; IIC Tokyo, Gioventù Pier Pasolini no seishun di Chiseko Tanaka. “Quest’anno abbiamo previsto diverse novità”, ha detto la presidente del Premio Flaiano Carla Tiboni, “fra cui lo sdoppiamento dell’edizione in due serate. Sabato 6 luglio all’Aurum di Pescara ci sarà premiazione dei vincitori delle Sezioni Italianistica e Narrativa, mentre il giorno successivo in piazza della Rinascita sarà la volta delle Sezioni Teatro, Cinema, Radio e Televisione.

Tags from the story
,