I capelli leggeri di mare

I capelli leggeri di mare
nell’aria frizzante del dopo cena,
le labbra e il rimmel contro il cielo buio
mi inseguono nei fuochi dell’estate
e nell’odore dei fritti che esce a vampa dalle pizzerie,
nel piazzale dei fuoristrada di Rimini
dove i sapori caldi dei fiati si incrociano
tra i baveri delle camicie bianche.
Non c’è un tempo per rimanere giovani
e per guardare le ragazze sempre un po’ sorprese
tra i pantaloni attillati fino alle caviglie
e l’infradito al piede con una leonessa tatuata.
Squillano cento cellulari
per amori e ansie che spaccano la notte
nel profilo di bocche salate
raccolte come la sabbia fina della riva
raggiunta dalla spuma del mare notturno
che ascolta come avesse udito