Diciamole ancora due cazzate

Diciamole ancora due cazzate,
come quelle pallavoliste salate di mare
e quei padri sui pattini per la gioia dei figli piccoli
con il suono dell’iPad che fa l’eco nella voce
e sulla scia della sabbia di un’altra estate finita.
Ma le coppie al sole si odiano o si amano?
Qualcuno vorrebbe scappare nella hall dell’albergo
dove le ragazze sono sempre più silenziose
nel ciabattare con gli anelli all’alluce.
Indossano il costume giallo
sopra la pelle incandescente e guerriera
che reclama un altro agosto
per pettinarsi i capelli e asciugarsi il collo,
per cercare un account
tra le dita febbrili e lascive